1. Inicio
  2. Invertir
  3. Acciones
  4. Italia
  5. BIT
  6. Snam (SRG)
  7. Infomación Financiera

Bilancio - Dati Fondamentali Snam

Nombre de la Compañía:Snam
Description:
Snam è una delle principali società di infrastrutture energetiche al mondo e opera in Italia e, attraverso le proprie consociate internazionali, in Albania (AGSCo), Austria (TAG, GCA), Cina (Snam Gas e Energy Services Beijing), Emirati Arabi Uniti (ADNOC Gas Pipelines), Francia (Teréga), Grecia (DESFA) e Regno Unito (Interconnector UK. Inoltre Snam è uno dei principali azionisti del tratto finale del Corridoio Sud del gas (TAP Trans Adriatic Pipeline). Il gruppo è attivo nella realizzazione e gestione integrata delle infrastrutture del gas naturale, operando nello sviluppo e nella gestione delle attività di trasporto, rigassificazione e stoccaggio. È il principale operatore italiano di trasporto e dispacciamento di gas naturale in Italia e possiede la quasi totalità delle infrastrutture, disponendo di 32.647km di gasdotti. È primo in Europa per estensione della rete di trasporto che supera i 41.000 km includendo le partecipate internazionali, e per capacità di stoccaggio, pari a 17 miliardi di metri cubi in Italia, e oltre 20 miliardi di metri cubi con le partecipate internazionali. Il gas proveniente dall’estero viene immesso nella Rete Nazionale attraverso punti di entrata, in corrispondenza delle interconnessioni con i metanodotti di importazione (Tarvisio, Gorizia, Passo Gries, Mazara del Vallo, Melendugno e Gela) e dei terminali di rigassificazione GNL (Panigaglia, Cavarzere e Livorno). Il gruppo è il maggiore operatore italiano e uno dei principali operatori europei nel settore dello stoccaggio del gas naturale attraverso 9 campi operativi di stoccaggio localizzati in Lombardia (cinque), Emilia Romagna (tre) e Abruzzo (uno). La società è anche tra i principali operatori continentali nella rigassificazione, attraverso il terminale di Panigaglia e le quote negli impianti di Livorno (OLT) e Rovigo (Adriatic LNG) in Italia e di Revithoussa (DESFA) in Grecia, per una capacità di rigassificazione complessiva pro quota di circa 8,5 miliardi di metri cubi annui. Svolge anche attività diverse non soggette a regolamentazione, che rappresentano tuttavia una parte esigua dei suoi ricavi. Tra queste, le principali sono l’affitto e la manutenzione dei cavi di telecomunicazione in fibra ottica e le prestazioni tecniche effettuate per conto terzi. Il sistema integrato di infrastrutture a disposizione del gruppo comprende la rete di gasdotti, le centrali di compressione, i terminali marittimi, i terminali di rigassificazione, il sistema di dispacciamento e controllo del gas, i sistemi di gestione, manutenzione e ispezione dei gasdotti e i sistemi di misurazione del gas.
CEO:Marco AlveràWWW Dirección sitio web:www.snam.it
Chairman:Nicola BedinTelephone:02 37031
Dirección:Piazza Santa Barbara, 7Fax:02 37039227
Town / City:San Donato MilaneseEmail:investor.relations@snam.it
País:ItaliaISIN:IT0003153415
Postcode/Zip code:20097
 Precio Variación Precio [%] Bid Venta Volumen Máx. Mín.
 4.85 0.072 [1.51%] 4.845 4.847 5,020,208 4.847 4.758
 Apertura Gráfica Anterior Market Cap. Shares In Issue PPP/Volumen ROE (%) 52 Semanas
 4.764 4.778 16,300,160,374 3,360,857,809 4.83 17.02 4.04-5.32
(al cierre del días previos)
Cierre Anterior4.778
Market Cap.16,058,178,611
Shares In Issue3,360,857,809
Preferred Shares in issue-
Nonvoting Shares in issue-
Convertible Shares in issue-
Sample PeriodMáx.Mín.
1 año4.854.70
4 Semanas5.014.66
12 Semanas5.324.66
1 año5.324.04
3 Años5.323.18
5 Años5.323.18

30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Sales and Services Revenue1,522,0001,343,0002,735,0002,635,000
EBITDA1,159,0001,098,0002,153,0002,204,000
EBIT758,000724,0001,380,0001,452,000
Group Result878,000572,0001,101,0001,090,000
Net Result880,000572,0001,101,0001,090,000
Cash Flow----
Total Net Assets6,928,0006,224,0006,472,0006,258,000
Net Financial Position-14,148,000-12,888,000-12,887,000-11,923,000
RISULTATI AL 30 GIUGNO 2021 - Per il raffronto tra il primo semestre 2020 e il 2021, Snam ha calcolato dei dati adjusted al netto degli special item rappresentati dai costi connessi al protrarsi della pandemia (4 milioni, 3 al netto della fiscalità), dagli effetti del riallineamento dei valori civili e fiscali per 255 milioni in base al “Decreto Rilancio” e delle imposte, pari a 9 milioni, connesse alla rilevazione ai soli fini fiscali dei plusvalori derivanti da operazioni di riorganizzazione societaria all’interno del gruppo.
Considerando i dati adjusted di entrambi i periodi, i ricavi complessivi del core business sono saliti del 6,6% a 1.370 milioni, ed in particolare i ricavi regolati sono aumentati del 6,7% a 1.358 milioni, trainati dai ricavi da trasporto (+6,9% a 1.084 milioni) e da quelli da stoccaggio (+6,9% a 265 milioni).
In discesa del 18,2% a 9 milioni i ricavi da rigassificazione.
I ricavi non regolati sono rimasti invariati a 12 milioni, ma soprattutto i ricavi da new business della transizione energetica sono balzati da 61 a 157 milioni per effetto del forte sviluppo delle attività di efficienza energetica, in particolare in ambito residenziale, oltre all’apporto di Mieci ed Evolve, società entrate nel perimetro del gruppo a fine 2020.
Nel complesso i ricavi totali sono passati da 1.346 a 1.527 milioni (+13,4%).
I volumi di gas immesso nella rete nel semestre sono ammontati a 38,51 miliardi di metri cubi, in aumento del 7,8% rispetto all’anno prima in linea con l’aumento della domanda di gas naturale che nel primo semestre 2020 aveva risentito delle misure restrittive messe in atto per contenere il contagio da Covid-19.
I quantitativi rigassificati presso il terminale GNL di Panigaglia (SP) sono stati pari a 0,76 miliardi di metri cubi di GNL (erano 1,30 miliardi di metri cubi nel primo semestre 2020).
La capacità di stoccaggio disponibile è scesa da 12,5 a 12 miliardi di metri cubi; i volumi movimentati nel semestre ammontano a 11,45 miliardi di metri cubi (-3,8%) per una minore capacità disponibile a parità di stoccaggio strategico per la temporanea indisponibilità di alcuni impianti per lavori di manutenzione straordinaria.
I costi operativi totali sono aumentati del 52,3%, passando da 239 a 364 milioni; in particolare i costi del core business sono saliti del 19,2% a 211 milioni a seguito della contrazione dell’1,4%, a 138 milioni, dei costi fissi (mentre quelli variabili sono balzati da 21 a 57 milioni), ma i costi del new business sono più che raddoppiati, balzando da 62 a 153 milioni.
Ne è comunque derivato un ebitda in aumento del 5,1% a 1.163 milioni; dopo ammortamenti in aumento da 374 a 401 milioni per l’entrata in esercizio di nuove infrastrutture, l’ebit si è attestato a 762 milioni (+4%).
In diminuzione da 67 a 50 milioni gli oneri finanziari netti, in presenza però al 30/6/2021 di un indebitamento finanziario netto di 14.148 milioni contro i 12.887 milioni di fine 2020.
Il free cash flow operativo è stato positivo per 566 milioni, ma tenendo conto degli investimenti tecnici (al netto dei debiti), degli esborsi per acquisizioni e dei rimborsi relativi al credito finanziario verso la partecipata OLT, il free cash flow è risultato negativo per 467 milioni.
I proventi netti su partecipazioni sono passati da 110 a 139 milioni per il maggior contributo di TAP (+33 milioni) in esercizio dal 15 novembre 2020, oltre a ADNOC Gas Pipelines (+13 milioni) entrata nel gruppo a luglio 2020 e a Industrie De Nora, operazione completata a gennaio 2021, per 7 milioni.
Si è così giunti a un utile ante imposte in aumento del 9,7% a 851 milioni.
Dopo imposte per 215 milioni (tax rate in lieve diminuzione dal 25,5% al 25,1%), l’utile netto ha infine raggiunto 635 milioni, il 9,9% in più rispetto ai 578 milioni al 30/6/2020 su base adjusted.
Gli investimenti tecnici sono ammontati a 566 milioni (457 milioni nel primo semestre 2020), di cui 458 destinati al settore trasporto e 68 al settore stoccaggio.
Su base reported, nel primo semestre 2021 l’ebitda è salito del 5,6% a 1.159 milioni, l’ebit del 4,7% a 758 milioni e l’utile netto, grazie a un effetto fiscale positivo per 33 milioni, ben del 53,5% a 878 milioni.
Considerando invece i dati reported, i ricavi totali sono saliti del 13,5% a 1.527 milioni ed in particolare i ricavi caratteristici del 13,3% a 1.522 milioni (grazie ai maggiori ricavi del core business anche a seguito del rilascio di poste patrimoniali pregresse, oltre al maggior contributo del new business) e gli altri proventi, poco rilevanti, del 66,7% a 5 milioni (si riferiscono principalmente a rimborsi assicurativi).
I costi per consumi di materie prime sono balzati del 67% a 177 milioni, mentre il costo del personale è aumentato dell’11,3% a 128 milioni in presenza del resto di un numero di dipendenti passato da 3.048 a 3.357 unità a seguito dell’ampliamento del perimetro del gruppo e a nuove assunzioni per il potenziamento dei nuovi business legati al biometano e all’idrogeno.
I costi per servizi sono saliti ben del 20,9% a 168 milioni, mentre gli altri costi operativi si sono ridotti del 25,6% a 29 milioni.
Gli incrementi di immobilizzazioni per lavori interni sono passati da 151 a 134 milioni.
Nel complesso l’ebitda è passato da 1.098 a 1.159 milioni (+5,6%); dopo ammortamenti in aumento da 374 a 400 milioni (nonché svalutazioni per 1 milione), l’ebit ha comunque raggiunto 758 milioni (+4,7%).
Migliora da 43 a 89 milioni il saldo positivo della gestione finanziaria; al 30/6/2021 l’indebitamento finanziario netto ammontava a 14.148 milioni a fronte di 12.887 milioni a fine 2020 sempre a seguito degli investimenti effettuati, mentre il contributo positivo delle partecipazioni è salito da 109 a 139 milioni.
E così l’utile ante imposte è passato da 767 a 847 milioni (+10,4%).
Nel primo semestre 2020 le imposte erano ammontate a 195 milioni con un tax rate del 25,4%, ma il primo semestre 2021 ha beneficiato di un effetto fiscale positivo per 33 milioni derivante dal riallineamento dei valori civili e fiscali di alcuni beni materiali e immateriali appartenenti alle società controllate Snam Rete Gas, Stogit, GNL Italia e Renerwaste Srl, rispettivamente rappresentati, in via principale, da metanodotti, impianti di rigassificazione, pozzi e impianti di trattamento e dall’avviamento.
L’effetto di tale operazione è stato complessivamente positivo per 255 milioni; al netto dell’agevolazione fiscale il tax rate sarebbe stato del 26,2%.
RISULTATI 2020 - Complessivamente positivi i risultati 2020 del gruppo Snam.
I ricavi complessivi sono aumentati del 3,9%, passando da 2.665 a 2.770 milioni, ed in tale ambito i ricavi regolati sono saliti del 2,3% a 2.548 milioni, grazie in particolare al contributo del settore Trasporto (+3% a 2.028 milioni).
I ricavi non regolati sono rimasti stabili a 30 milioni, ma quelli dei new business sono più che raddoppiati balzando da 85 a 192 milioni), grazie alla crescita di commesse di impianti di biogas e biometano da parte della controllata IES Biogas, oltre all’ingresso di nuove società nel perimetro di consolidamento, all’avvio delle attività di efficienza energetica in ambito residenziale e alle vendite di compressori per la mobilità sostenibile.
I volumi di gas immesso nella rete sono ammontati a 69,97 miliardi di metri cubi, in calo del 7,2% rispetto all’anno prima (-5,4 miliardi di mc) a seguito della significativa riduzione della domanda di gas registrata in Italia in tutti i settori anche per effetto delle misure di lockdown imposte per fronteggiare l’emergenza sanitaria Covid-19.
I quantitativi rigassificati presso il terminale GNL di Panigaglia sono stati pari a 2,52 miliardi di metri cubi di GNL (+5% rispetto ai 2,4 miliardi di metri cubi nel 2019).
La capacità di stoccaggio disponibile è invariata a 17 miliardi di metri cubi rispetto a fine 2019; i volumi movimentati sono ammontati a 19,6 miliardi di metri cubi (+1,4%).
Considerando il confronto con i dati adiusted, i costi operativi sono aumentati del 31,1%, passando da 437 a 573 milioni, ed in particolare quelli del core business sono saliti dell’11,6% a 393 milioni e quelli del new business sono più che raddoppiati da 85 a 180 milioni.
Ne è derivato un ebitda adjusted in lieve aumento (+1,3% a 2.197 milioni); quello reported è invece sceso del 2,3% a 2.153 milioni.
Dopo ammortamenti in aumento da 752 a 773 milioni per l’entrata in esercizio di nuove infrastrutture, l’ebit adjusted si è attestato a 1.424 milioni (+0,5%), mentre quello reported è diminuito del 5% a 1.380 milioni.
In diminuzione da 165 a 126 milioni gli oneri finanziari netti (da 201 a 156 milioni su base reported), pur in presenza al 31/12/2020 di un indebitamento finanziario netto di 12.887 milioni contro gli 11.923 milioni di fine 2019.
Il flusso di cassa netto è ammontato a 1.597 milioni ed ha consentito di assorbire i fabbisogni finanziari connessi agli investimenti tecnici netti del periodo, pari a 1.111 milioni; includendo però gli esborsi netti connessi all’acquisto di partecipazioni per 521 milioni, tra cui il corrispettivo per l’acquisto della partecipazione a controllo congiunto OLT, il free cash flow è risultato negativo per 35 milioni.
Inoltre è stato pagato un monte dividendi di 779 milioni e sono state acquistate azioni proprie per 114 milioni.
Gli investimenti tecnici 2020 (+23,5% a 1.189 milioni) si riferiscono al settore Trasporto per 981 milioni e allo stoccaggio di gas naturale per 134 milioni.
I proventi netti su partecipazioni sono passati da 214 a 247 milioni grazie al maggior contributo di TAP (+22 milioni) per l’entrata in esercizio del metanodotto dal 15/11/2020, a proventi non ricorrenti di TAG per 10 milioni per il riconoscimento di componenti tariffarie connesse al termine del periodo regolatorio e al positivo risultato di ADNOC Gas Pipeline, acquisita a luglio 2020); il tutto al netto del minor contributo di Teréga per 9 milioni (aveva beneficiato di proventi non ricorrenti) e di Interconnector UK per 7 milioni (ha avuto minori impegni di capacità rispetto al 2019).
Si è pertanto giunti a un utile ante imposte adjusted in aumento del 5,4% a 1.547 milioni (valore quasi invariato.
+0,4% a 1.471 milioni, su base reported), e dopo imposte per 370 milioni (370 su base reported, con un tax rate in lieve discesa dal 25,6% al 25,2%), l’utile netto adjusted è ammontato a 1.164 milioni (+6,5%), mentre su base reported l’incremento è stato dell’1% a 1.101 milioni.
Dopo l’acconto sul dividendo 2020 pari a 0,0998 euro per azione, in pagamento dal 20 gennaio 2021, il saldo ammonta a 0,1497 euro per azione in pagamento dal 23 giugno 2021, per un totale di 0,2495 euro per azione, il 5% in più rispetto al 2019 come da politica dividendi già annunciata.
30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Avviamento--60,00051,000
Attività immateriali----
Immobilizzazioni Materiali17,249,00016,832,00017,178,00016,802,000
Investimenti Immobiliari----
Partecipazioni e altre attività finanziarie----
Altre Attività non Correnti----

Totale Attività non Correnti

----
Rimanenze110,000122,00098,000112,000
Crediti Commerciali1,857,0001,318,0001,676,0001,376,000
Altre Attività Correnti----
Liquidità e Disponibilità Finanziarie----

Totale Attività Correnti

----
Attività destinate alla vendita----

Totale Attivo

25,337,00024,670,00025,675,00024,066,000
Capitale Sociale2,736,0002,736,0002,736,0002,736,000
Azioni Proprie--361,000389,000
Riserve3,288,0002,913,0002,993,0002,818,000
Utile (Perdite) d'Esercizio878,000572,0001,101,0001,090,000

Patrimonio Netto di Gruppo

6,902,0006,221,0006,469,0006,255,000
Patrimonio netto di Terzi26,0003,0003,0003,000

Patrimonio netto Complessivo

6,928,0006,224,0006,472,0006,258,000
Debiti Finanziari a Lungo Termine10,408,00010,887,00010,332,00010,643,000
Fondo TFR e altri fondi del personale39,00043,00040,00046,000
Fondo per rischi e oneri707,000696,000798,000713,000
Altre passività non correnti----

Totale Passività non correnti

----
Debiti Finanziari a Breve Termine5,365,0005,105,0005,605,0004,131,000
Debiti Commerciali1,511,0001,222,000639,000487,000
Altre Passività correnti----

Totale Passività correnti

----
Passività correlate ad attività destinate alla vendita----

Totale passivo

25,337,00024,670,00025,675,00024,066,000
30/6/202130/6/202031/12/202031/12/2019
Ricavi delle vendite e delle prestazioni1,522,0001,343,0002,735,0002,635,000
Altri ricavi5,0003,00035,00030,000

Totale ricavi

1,527,0001,346,0002,770,0002,665,000
Costo del venduto----
Utile lordo industriale----
Spese generali e amministrative----
Spese di ricerca e sviluppo----
Spese di vendita----
Altri ricavi (costi) operativi netti----
Altri proventi (oneri) non ricorrenti----
Variazione delle rimanenze----
Consumi di materie prime177,000106,000172,00062,000
Costo del personale128,000115,000188,000180,000
Costi per servizi168,000139,000146,000186,000
Altri costi operativi29,00039,000111,00033,000
Altri proventi non ricorrenti134,000151,000--
Altri oneri non ricorrenti----
EBITDA1,159,0001,098,0002,153,0002,204,000
Ammortamenti400,000374,000762,000722,000
Accantonamenti per rischi, oneri e svalutazioni1,000-11,00030,000
EBIT758,000724,0001,380,0001,452,000

Saldo gestione finanziaria

89,00043,000-156,000-201,000
a) Proventi Finanziari17,00010,00026,00011,000
b) Oneri Finanziari67,00076,000174,000213,000
c) Altri Proventi (Oneri) Finanziari139,000109,000-8,0001,000
Ripristini (svalutazioni) / Plusvalenze (Minusvalenze)--247,000214,000

Risultato prima delle imposte

847,000767,0001,471,0001,465,000
Imposte sul reddito-33,000195,000370,000375,000
Risultato netto attività di funzionamento----
Risultato attività destinata a cessare----

Risultato netto

880,000572,0001,101,0001,090,000
Risultato di pertinenza di terzi2,000---
Risultato di pertinenza del Gruppo878,000572,0001,101,0001,090,000
Su Consulta Reciente
BIT
SRG
Snam
Regístrese ahora para ver estas acciones en su Monitor streaming ADVFN.

Usted puede agregar y ver hasta 110 símbolos de sus acciones favoritas al mismo tiempo y completamente gratis.

Cotizaciones PLUS están en tiempo real. Cotizaciones NYSE y AMEX están con retraso de por lo menos 20 minutos.
El resto de las cotizaciones están con retraso de por lo menos 15 minutos al menos que se indique lo contrario.

Al acceder a los servicios disponibles de ADVFN usted acepta quedar sujerto a los Términos y Condiciones

P: V:mx D:20211021 05:23:34